Un marito fedele - Anna Ekberg


Casa editrice: Nord

Pag.: 396

Pubblicazione: Ottobre 2018

Recensione:

È la storia di un'ossessione, di follia, del male che si impossessa di due persone, di un confine che una volta varcato non permette più di tornare indietro. Christian e Leonora sono una coppia sposata ormai da moltissimi anni, hanno lottato a lungo contro la malattia del figlio Johan che adesso è fuori pericolo. Dopo tanti anni la passione piano piano si affievolisce e Christian trova un'amante passionale e una complice perfetta in Zenia, collega di lavoro. Quando Leonora lo scopre Christian è a dir poco sollevato, non trovava il coraggio di lasciare la moglie, e adesso sarà più facile far capire a Leonora che non l'ama più. Ma Leonora non ha nessuna intenzione di farsi lasciare, il suo orgoglio è lacerato dopo aver sorpreso Christian e Zenia insieme e se lui non lascerà l'amante lei lo rovinerà. Il romanzo è raccontato da tre punti di vista differenti: quello di Christian, di Leonora, e quello di un poliziotto che racconta l'intera storia alla figlia. La presenza del poliziotto è la conferma che una storia che ha queste premesse può finire tutt'altro che bene. I protagonisti hanno un profilo psicologico molto dettagliato, ma i loro comportamenti e le loro scelte così discutibili non permettono di entrare in empatia con loro. Quando si fa una scelta sbagliata, quando si dice anche solo una piccola bugia, si viene avvolti in un vortice che diventa sempre più grande, e da cui ormai è impossibile uscire. È un libro che affronta il tema delle dinamiche di coppia all'interno della vita coniugale, a partire dalla fase iniziale in cui si è travolti dalla passione, per arrivare al risultato di quello che la malattia può portare alle coppie più deboli. Un lento allontamento. Si viene completamente travolti dalla follia dei protagonisti, tanto da voler continuare ininterrottamente a sfogliare le pagine. Un thriller che consiglio! 

#ThrillerPsicologici

Leggi anche..